Agevolazioni fiscali per la Sicurezza

RISTRUTTURAZIONE E TUTELA DI BENI E PERSONE

La Formazione grava sulle imprese

È conosciuto soprattutto come il Bonus sicurezza 2019, ma non si tratta di uno sgravio nuovo. Infatti, era già contenuto nella legge di stabilità del 2016 insieme al resto del pacchetto sicurezza dello stesso anno. All'epoca aveva lo scopo di favorire maggiore sicurezza a tutti i cittadini e soprattutto di prevenire le attività criminali attuate contro le unità domestiche. Si presentava sotto forma di un credito d'imposta ed è stato attualmente riproposto con le stesse caratteristiche. In particolare, il bonus sicurezza è stato inglobato all'interno del bonus ristrutturazione, in modo da favorire allo stesso tempo anche i i lavori edili. Vediamo di seguito cos'è il bonus ristrutturazione e quello per la sicurezza, chi può richiederlo e come può usufruirne.

Bonus Ristrutturazione

Come già anticipato, le agevolazioni fiscali relative alla sicurezza sono state integrate all'interno del già esistente bonus ristrutturazione. Si tratta di detrazioni fiscali pari anche al 50% per spese relative alla ristrutturazione di un immobile e che non superano i 96000. Il termine ultimo per usufruire di questo bonus è il 31 dicembre 2019 e comprende le spese effettuate a partire dal 26 giugno 2012. In ogni caso è opportuno specificare che la detrazione a cui si sta facendo riferimento è un rimborso Irpef che quindi si otterrà solo dopo aver effettuato le spese. Se si rientra nelle regole stabilite per ottenere il rimborso, questo verrà accreditato tramite 10 rate annuali di pari importo.

Il bonus può essere richiesto sia per lavori di manutenzione ordinaria su condomini che per interventi di manutenzione straordinaria su singole unità immobiliari, anche rurali. Per interventi ordinari si intendono il rifacimento di scale e rampe, l'aggiunta di scale di sicurezza, l'installazione di ascensori, la sostituzione di infissi esterni e così via. È proprio a questo punto, però, che entra in atto anche il bonus per la sicurezza.

È opportuno ricordare che queste agevolazioni si ottengono solo se relative ad interventi su immobile. Non è ammessa, per esempio, nel caso di stipulazione di un contratto con istituto di vigilanza.

Rientrano, invece, l'installazione di impianti di Videosorveglianza

Bonus Sicurezza

Tra i vari interventi relativi alle detrazioni fiscali in materia di ristrutturazioni ve ne sono anche alcuni che riguardano la sicurezza dell'abitazione o dell'intero condominio. Parliamo, in particolare, dell'adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio dell'attuazione di atti illeciti da parte di terzi. Con atti illeciti si intendono, ovviamente, quelli penalmente illeciti come furto, aggressione o addirittura sequestro di persone. Insomma, tutti quegli atti che vanno a ledere diritti altrui che sono protetti giuridicamente. È opportuno ricordare che queste agevolazioni si ottengono solo se relative ad interventi su immobile. Non è ammessa, per esempio, nel caso di stipulazione di un contratto con istituto di vigilanza.

Rientrano, invece, l'installazione di impianti di Videosorveglianza, porte blindate, vetri antisfondamento, casseforti a muro, il rafforzamento di recinzioni, cancellate o saracinesche.

Infine, è molto importante dire che rientra nella detrazione anche l'esecuzione di opere effettuate al fine di evitare gli infortuni domestici, anch'essi molto importanti per la sicurezza. In questo caso, però, non basta il semplice acquisto di apparecchiature simili in quanto non rappresenta un vero e proprio intervento sull'immobile, condizione fondamentale per l'ottenimento della detrazione considerando che questa è associata ad un bonus per le ristrutturazione edili. Rientra, invece, anche il semplice intervento per la messa in sicurezza di parti immobiliari fatiscenti. Per fare un esempio, è ammessa l'installazione di apparecchiature per la rilevazione di gas all'interno della casa oppure interventi per la riparazione di una presa di corrente poco funzionante. Si tratta di interventi molto sottovalutati ma anche molto importanti per la messa in sicurezza della propria unità abitativa.

Infine, sono ammessi per la detrazione anche gli interventi relativi alla bonifica dell'amianto eventualmente presente. Ma chi può usufruire della detrazione e come fare per richiederla? Vediamo di seguito.

Innanzitutto coloro che possono beneficiare della detrazione Irpef sono il nudo proprietario in primis, l'inquilino e il beneficiario di un diritto di godimento come l'usufrutto. Requisito fondamentale, in ogni caso, è che le fatture e i bonifici siano intestati ad una delle persone che corrispondono a queste caratteristiche.

Per richiedere le agevolazioni fiscali per la sicurezza, invece, occorre innanzitutto indicare all'interno della dichiarazione dei redditi tutti i dati catastali dell'immobile in questione. Conservare tutti i documenti richiesti dal provvedimento del 2 Novembre 2011.

Richiedere la Detrazione

Innanzitutto coloro che possono beneficiare della detrazione Irpef sono il nudo proprietario in primis, l'inquilino e il beneficiario di un diritto di godimento come l'usufrutto. Requisito fondamentale, in ogni caso, è che le fatture e i bonifici siano intestati ad una delle persone che corrispondono a queste caratteristiche.

Per richiedere le agevolazioni fiscali per la sicurezza, invece, occorre innanzitutto indicare all'interno della dichiarazione dei redditi tutti i dati catastali dell'immobile in questione. Conservare tutti i documenti richiesti dal provvedimento del 2 Novembre 2011.

All'azienda sanitaria locale, invece, bisogna inviare una comunicazione in cui si specificano le generalità del committente dei lavori, i dati dell'impresa che li ha effettuati e la data dell'inizio degli interventi in questione. Infine, è consigliato pagare tramite bonifico in modo da avere a disposizione tutte i dati delle transazioni effettuate.

Hai bisogno di informazioni sull'argomento?

Saremo lieti di parlarne o proporre una Soluzione in linea con le tue esigenze

CSM GLOBAL SECURITY SERVICE

Un interlocutore su cui puoi contare

Hai bisogno di informazioni o hai dei dubbi da risolvere circa costi, tempi, gestione ed organizzazione? 06.64.811.881

Oppure vuoi semplicemente conoscere maggiori dettagli circa i nostri requisiti specifici e certificazioni, per valutare se siamo all'altezza..

Istituto di Vigilanza Privata

Da sempre al fianco di Privati e Aziende

Soluzioni che Semplificano

Facciamo il nostro lavoro in ottica migliorativa

ALTI STANDARD A PREZZI CONGRUI

Manteniamo alta la qualità e vantaggiosi i costi